Impronte Wilderness Safari di Born Free Srls

Siamo specializzati nell'organizzazione di safari in Kenya, Tanzania, Botswana, Zambia, Uganda, Namibia e in altre regioni dell'Africa

Scegli la tua meta!

Benvenuto su www.iwsafari.com

Gli specialisti per il tuo safari

+39 0584 630817 info@iwsafari.com

La vita e l'eredità di Mandela in Sud Africa

La vita e l'eredità di Mandela in Sud Africa

Ogni 18 luglio il Sudafrica (e tutto il mondo) celebra la nascita di Nelson Rolihlahla Mandela con il Nelson Mandela International Day. Nel suo paese d'origine la giornata viene celebrata con concerti pubblici e interventi di persone che hanno donato il loro tempo per fare volontariato per cause caritatevoli.


“Ora che abbiamo finalmente raggiunto l’emancipazione politica, ci impegniamo ad affrancare il nostro popolo dalla schiavitù ancora in essere della miseria, della privazione, della sofferenza, della discriminazione sessuale e di ogni altro genere. […] È con umiltà ed entusiasmo che ricevo l’onore e il privilegio che voi, popolo del Sudafrica, mi conferite di guidare il nostro paese fuori da questa valle oscura, in qualità di primo presidente di un Sudafrica unito, democratico e libero da discriminazioni razziali e sessuali”.


Era il 10 maggio 1994 e Nelson Mandela inaugurava una nuova pagina nella storia del Sudafrica. Si presentava al mondo come Presidente della Repubblica spingendo per il rinnovamento politico e sociale del Paese basato sul riconoscimento delle diverse componenti della società sudafricana e sull’avvio di un processo di riconciliazione nazionale. La dura lotta all'apartheid e le sue ideologie di rispetto reciproco rappresentato il lascito più importante di “Madiba”. La sua eredità non solo politica, ma anche sociale e culturale, sono tutt'oggi un riferimento fondamentale per il Sud Africa e per il mondo intero.


Se state programmando di visitare il Sudafrica, non potete tralasciare i luoghi associati alla vita di Mandela. E c'è molto di più da vedere di quanto ci si possa aspettare.


Cape Town



Città del Capo è una città ariosa, visitabile a piedi, in stile europeo. La sua famosa zona di Victoria & Albert Waterfront si presenta con un'attenta architettura caratterizzata da splendidi edifici in stile coloniale.


Uno dei più importanti recenti arrivi è lo Zeitz Museum of Contemporary Art Africa, un silo di grano trasformato in uno spazio simile a una cattedrale in cemento e vetro. Pone artisti contemporanei africani e sudafricani in primo piano nelle sue esposizioni. Alla cerimonia di inaugurazione, l'arcivescovo Desmond Tutu, in una rara apparizione pubblica, fece finta di ricevere una telefonata da Nelson Mandela dal cielo in cui a Tutu fu detto: “Sì! Questo è ciò per cui stavamo combattendo!


La maggior parte dei visitatori di Cape Town si sente "obbligata" a visitare Robben Island, dove Mandela ha scontato parte della sua pena detentiva di 27 anni e dove la sua cella spartana è stata accuratamente preservata.


In realtà, quello che suggeriamo di fare il tour "Footsteps to Freedom" (passi per la libertà) come accompagnamento per vedere il penitenziario. Questo tour a piedi (che può essere fatto su base privata o come parte di un piccolo gruppo) vi porta in un piacevole viaggio tra le strade e i punti di riferimento della città, spiegando la storia della città dal colonialismo olandese e britannico fino all'apartheid e dopo.


Aspetto molto interessante di questo tour è che le guide introducono il tema dell'apartheid in un modo intelligente e commovente, offrendo allo stesso tempo un'ottima introduzione alla città. Vi fermerete al maestoso municipio edoardiano, dove Mandela ha tenuto il suo primo discorso pubblico dopo essere stato rilasciato. Vedrete anche la Nobel Square sul lungomare, con le sue sculture in bronzo dei quattro premi Nobel per la pace sudafricani - tra cui un Mandela meditativo - e gli edifici del Parlamento del Sudafrica.


Johannesburg



Johannesburg è senza dubbio una città meno interessante di Cape Town, ma sta progressivamente cambiando la sua immagine. Ospita una serie di sobborghi centrali, distretti e comunità recintate che pullulano di gallerie, mercati all'aperto, boutique e punti di ristoro all'aperto.


Molto interessante è il Maboneng Precinct, che con la sua atmosfera rilassata e artistica è il luogo ideale per fermarsi per un brunch con gli amici.


Maboneng ospita anche alcune delle più famose street art della città e potete scegliere di vedere i suoi punti salienti in un tour a piedi e in auto con una guida locale. Qui troverete uno dei pezzi più famosi è dell'artista capetoniano Freddy Sam: il suo murale di una giovane Mandela in guantoni da boxe, gli occhi socchiusi per la concentrazione, avvolge il lato di un palazzone e si erge per dieci piani. È un'alternativa nuova e toccante alle raffigurazioni di Mandela che vedrete quasi ovunque.


Il comune di Soweto, situato a sud della città, è un buon punto di partenza per chiunque sia interessato a saperne di più sulla vita di Mandela. Durante una visita guidata privata della città, potrete vedere la casa in cui Mandela viveva con la sua famiglia prima del suo primo arresto all'età di 44 anni, e visitare il Museo dell'Apartheid.


Ma, se volete davvero seguire le orme di Mandela, potete visitare altri due posti nelle vicinanze di Johannesburg: Liliesleaf Farm, situata nel sobborgo di Rivonia, e l'ex prigione di Constitution Hill.


Liliesleaf Farm



Questo sito è uno dei migliori monumenti storici del Sudafrica, anche se ormai è stato inghiottito dall'espansione urbana di Johannesburg. Questa fattoria di proprietà privata fu utilizzata come luogo di ritrovo segreto per l'ala militare dell'ANC (African National Congress). Si può ancora vedere la casetta di paglia dove i membri hanno tenuto la loro ultima riunione prima di essere arrestati dalla polizia dell'apartheid nel 1963.


Vedrete la stanza in cui era Mandela, travestito da bracciante, e l'originale Carta della libertà del 1955, la pietra miliare politica per l'ANC e i suoi alleati. La fattoria ricrea anche il raid e le successive prove del "Processo di Rivonia" attraverso potenti display audiovisivi.


Constitution Hill



Questo ex complesso carcerario fu costruito attorno a un forte boero del XIX secolo, che gli inglesi successivamente trasformarono in prigione. Si trova leggermente separato dal resto della città su una collinetta erbosa, e le sue pareti imbiancate a calce e i suoi bastioni lasciano il posto agli scheletri di blocchi doccia e celle che un tempo ospitavano molti prigionieri politici, tra cui Mandela e Gandhi.


Nella sezione del "vecchio forte" del complesso, vedrete lettere scritte a mano da Mandela. (Dopo il suo secondo arresto a Kwazulu-Natal, fu tenuto tra i prigionieri bianchi, considerato troppo pericoloso e influente per essere tenuto nella sezione riservata ai prigionieri di colore).


Preparatevi ad assistere ad alcuni luoghi strazianti, specialmente nella sezione riservata ai prigionieri di colore. Entrerete in celle buie e umide senza luce naturale, e così strette in larghezza da non poter nemmeno distendere le braccia. Poi ci sono le stanze in cui sono stati raccolti insieme da 30 a 40 uomini e celle di isolamento, che venivano state costantemente illuminate nel tentativo di scombussolare i loro occupanti.


Dove trovare le migliori state e sculture di Mandela in Sud Africa



È facile ammirare alcune delle molte statue e sculture raffiguranti Mandela durante un tour più ampio del Sudafrica.


Se trascorrete del tempo nelle Winelands, potete fare una breve visita alla prigione Groot Drakenstein. Situata quasi equidistante tra le città di Franschhoek e Paarl, fu qui che Mandela trascorse gli ultimi mesi della sua prigionia. Oggi, un bronzo esultante di Mandela si erge fuori dalle sue porte.


Se vi trovate a guidare tra le montagne di Drakensberg, o tra i campi di battaglia di Kwazulu-Natal, a Durban o nelle Midlands, potreste fare una deviazione verso il Nelson Mandela Capture Site. Nel 1952, Mandela fu catturato dalla polizia dell'apartheid mentre percorreva un solitario tratto di strada vicino alla città di Howick. Nel sito, seguite un percorso sinuoso (che rappresenta la "Long Walk to Freedom") prima di trovare, al suo termine, un'immagine bidimensionale del profilo di Mandela creata interamente attraverso il posizionamento strategico di barre d'acciaio tagliate al laser. È una scultura stranamente fragile, in qualche modo, nonostante i suoi materiali metallici robusti: la sua immagine scompare del tutto a meno che tu non veda la scultura da una certa angolazione.


Infine, molto interessante è la statua fuori dall'Union Building di Pretoria, dove, nei giorni di sole, troverete un Mandela a braccia aperte che si staglia verso un cielo blu brillante.




Scopri le nostre proposte per il Sud Africa➤